Immagini incredibili realizzate da un papà creativo con le sue tre figlie

Immagini incredibili realizzate da un papà creativo con le sue tre figlie

 

John Wilhelm è un quarantaquattrenne direttore dell’IT in una università svizzera con una passione per la fotografia, il digitale e le immagini incredibili. Alcune delle sue opere più creative sono manipolazioni di immagini digitali con la sua ragazza e le loro tre figlie: Lou di 5 anni,  Mila di 2 e Yuna di appena 6 mesi.

Le foto di John sono surreali ed eclettiche: “Credo di aver guardato un po’ troppa televisione e giocato troppo ai videogames quando ero ragazzo“, dice, spiegando alcune delle sue fonti d’ispirazione.

In una intervista rilasciata a Bored Panda, John spiega che la maggior parte delle sue immagini sono pesantemente ritoccate, ma non tutte sono composizioni: “Se un’immagine funziona così come esce dalla macchina, io mi limito a migliorarla (ritocco, pulizia, livelli, nitidezza, toni, colori, luci, etc.). Ma quello che mi piace veramente è mettere insieme immagini diverse per ottenere qualcosa di completamente nuovo.”

Nonostante queste fotografie esprimano un mondo di divertimento, tutti sappiamo che fotografare bambini, spesso, può essere difficile: “Io credo che, se hai una buona empatia con i tuoi bambini, loro capiscano se una cosa è importante per te e si sforzino di aiutarti. E se così non fosse, ci sono sempre caramelle e dolcetti! “, racconta John.

Opere di questo tipo richiedono creatività, ispirazione e una certa dose di lavoro. John dice che tipicamente può impiegare dalle 5-6 alle 20-22 ore davanti a Photoshop e ai plugin della Nik per realizzare la sua idea.















 

Se vi voleste fare una idea di come alcune di queste immagini siano state realizzate, di seguito alcuni compositi che riportano il backstage.

E se volete vedere altre opere di John, questo è il suo sito: johnwilhelm.ch.

[via Bored Panda]

Follow me

Lorenzo Mattei

Problem solver, storyteller, fotografo e viaggiatore. Membro del Team Clickalps dal 2011.
Follow me