Fotografare la migrazione in Liguria

Fotografare la migrazione in Liguria

 

Per gli uccelli migratori, la Liguria rappresenta un’ autentica autostrada celeste per arrivare ai siti di riproduzione dell’ Italia e dell’ Europa  Centrale ( migrazione di andata o primaverile) o per il ritorno verso i siti di svernamento ( migrazione di ritorno o autunnale ).

Per la sua  conformazione territoriale  la  Liguria rappresenta uno dei luoghi ideali per fotografare la migrazione in quanto coesistono due rotte migratorie seguite da migliaia di uccelli in transito: la fascia costiera e le vallate alpine-appenniniche.

I passi migratori più noti sono collocati in corrispondenza dei “ Valichi montani” che mettono in comunicazione la costa con la Pianura Padana.

Di importanza internazionale è la zona del Parco del Beigua, soprattutto per il passaggio di rapaci diurni  come bianconi, falchi di palude,falchi pecchiaioli e in alcuni casi specie particolarmente interessanti come le aquile anatrie o i falchi pescatori e i grandi veleggiatori ( cicogne e gru ).

Sfruttando le correnti ascensionali che si formano in particolari condizioni sulla terraferma, volano senza quasi muovere le ali e percorrono in una sola giornata svariati chilometri; approfittando delle correnti calde salgono di quota e poi si lasciano planare in direzione di volo, limitando al massimo lo sforzo e risparmiando in questo modo notevoli energie.

L’ area di maggior passaggio è l’ entroterra di Arenzano, dove i pendii meridionali appenninici sono più vicini al mare e costringono gli uccelli di passo sulla fascia costiera a concentrarsi su un unico fronte ristretto. Questo fenomeno è conosciuto come “ collo di bottiglia” ed è luogo famosissimo tra birdwatching e fotografi.

Soprattutto nella migrazione primaverile, nel mese di marzo, è spettacolare vedere il passaggio dei Bianconi, in giornate favorevoli è possibile osservare centinaia di rapaci passare sopra le proprie teste, mentre in maggio lo spettacolo sono i Falchi pecchiaioli.

Di grande importanza per i birdwatching è il “ Biancone Day “ che si effettua annualmente a metà del mese di marzo.

http://www.liguriabirding.net/easyNews/NewsLeggi.asp?IDnews=474

Nella fascia costiera, essendo il territorio ligure molto urbanizzato, vengono utilizzate  per il riposo migratorio, le poche zone adatte della regione  che si trovano alla foce di fiumi e torrenti.

Nei periodi di transito si possono osservare svariate specie di uccelli, spesso di grande interesse e difficile osservazione, dando la possibilità a fotografi ed osservatori di effettuare riprese ed osservazioni importanti.

 

Fotografie e Testi:

Paolo Bolla

http://www.clickalps.com/photographer/Paolo-Bolla

 

Follow me

Luca Gino

La fotografia che unisce la passione per natura e montagna. Fotografo ClickAlps dal 2011.
Follow me

Latest posts by Luca Gino (see all)